Biografia/Biography

Home
Galleria/Gallery
Biografia/Biography
Eventi/News
Contatti/Contacts

 

Testi critici/Reviews (texts)          Stampa/Reviews

Nato a Piacenza, l’artista, di chiara vocazione internazionale, ha esposto in numerose mostre personali e eventi internazionali, ricevendo prestigiosi riconoscimenti. Alcune sue opere sono esposte in permanenza in diverse gallerie e istituzioni italiane ed estere. I suoi lavori sono stati pubblicati su varie riviste e libri d’arte, fra cui si ricorda “Watercolor – Paintings by Contemporary Artists”, edito da Chronicle Books di San Francisco, in cui Terdich è l’unico italiano fra i 21 maestri dell’acquerello selezionati. Il Direttore d’orchestra Maestro Riccardo Muti possiede un suo ritratto realizzato dall’artista.

Pittore figurativo, nei suoi lavori ricerca un approfondimento conoscitivo, di penetrazione oltre l’apparenza delle cose e dimostra una particolare abilità nel destreggiarsi con varie tecniche pittoriche. I sui lavori abbracciano soggetti differenti, spaziando, con la confidenza di un artista maturo, dai ritratti alle figure, alla natura, alle nature morte. La sua vocazione inizialmente si manifesta attraverso un personale approccio al ritratto, eseguito soprattutto a grafite, in cui si evince il ruolo essenziale del disegno che costituisce, con pari dignità rispetto ai lavori ad acquerello e ad olio, un passaggio determinante nel processo che porta al compimento delle sue opere. Il suo linguaggio pittorico viene, nel corso degli anni, raffinato attraverso un continuo processo di elaborazione e sperimentazione di stili differenti.

Affrontando temi ostici come la serie “acqua”, simbolo di nascita primordiale, va alla ricerca di luce, riflessi, rifrazioni, verso una dimensione di conoscenza della verità o dell’insondabile. E' un punto d'arrivo importante, nella sua poetica: sparita la fedeltà al modello, tutto diviene più fluido e immaginifico. Questi sono soggetti nuovi, inediti e, per dinamismo compositivo e vivacità cromatica, comunicano infinite sensazioni di movimento e libertà. Le sue trasparenze esplorano le possibilità della percezione del reale e il campo del visibile diventa così lo spazio della visione e del colore. L'acqua, simbolo della vita, della purificazione e del vigore si trasforma in un territorio di luce e di riflessioni. In questi lavori  egli enuncia l’estro della sua espressività sulla quale fa  leva per ottenere il più ambizioso dei obiettivi estetici: mediante il visibile, realizzare l’esperienza dell’invisibile.

Terdich accosta il suo magistero tecnico di impostazione figurativa-surrealista, alla curiosità del soggetto. La sua opera si articola e si trasforma in uno spazio rappresentativo che tesse storie e racconti volti a esplorare una realtà visionaria propria dell’artista. La sua si potrebbe definire un'opera di indagine, resa attraverso un realismo silenzioso e intimista, che trasmette sensazioni di  attesa e di mistero, da cui traspare un tormento interiore. Attraverso i suoi soggetti egli comunica la sua inquietudine, che emerge dai personaggi che raffigura con un’energia, in cui luci ed ombre sembrano vibrare assieme. I suoi personaggi, enigmatici, vengono colti spesso in atteggiamento di riflessione e trasmettono sovente un senso di irrequietezza, da cui traspare un tormento interiore. Vi domina un senso di intensa solitudine e i suoi personaggi, illuminati da una luce soffusa, sono ritratti in ambienti quotidiani privi di spettacolarità, in cui assumono un’aria di poetica sospensione e intimità. Originali, nell’interpretazione della luce e nella scelta dei soggetti, le sue nature morte, estremamente realistiche, che si trasformano in presenze metafisiche, emblemi di uno stato d’animo, grazie alla luce, purissima, e scultorea.

His realism, driven by uncommon technical capabilities, is silent, intimate, and his paintings contain an unspoken, mysterious narrative, which offers an emotionally and psychologically loaded presentation that attracts the viewer. This atmosphere has been finally emphasized in his last works Water: ultra-modern and complex compositions, where the subjects are broken within the crystal water in a multitude of dynamic reflections. The water works represent his last project, an extreme challenge which combines the message he tried to transmit in his portraits and figures and the technical complications to render the movement, the transparencies and the light reflections of water and the fragmentation effects of bodies under water. These works are unusual and modern paintings, of the complex realization, with the subjects that crush the crystal of the water in decomposed glares that they decompose the bodies underwater.

He has been always attracted by water where he feels in his environment where he can fluctuate without weight and in full absence of noise. Being a dive master, he experienced the feeling of freedom underwater and he tried to pass this feeling through his painting. The focus here is again the human being dipped in a streaked blue liquid in thousand streams, from the more or less intense color. He reached a remarkable achievement in his poetic: disappeared the fidelity to the model, all it becomes more fluid and fantastic. These atypical swimmers are new subjects, unknown and, for their dynamism and chromatic liveliness, they communicate infinite feelings of movement and freedom.

Compared to the portraits, where is evident the inner psychological torment of the subjects, through water works he tried to transmit a feeling of freedom, serenity, although the feeling of loneliness remains. The whole atmosphere is still intimate and silent but now it is also relaxed. Also through the color he try to have the observer feeling the melancholy, but in a serene atmosphere.

In a nutshell, water and women are two sides of the same medal; a dialogue that covers the entire production of Terdich, a mixture of languages that the artist uses for its personal way of communicating feelings.

<

 

Home | Galleria/Gallery | Biografia/Biography | Eventi/News | Contatti/Contacts

Copyright © 2014 Paolo Terdich - tutti i diritti riservati

Ultimo aggiornamento: 06-01-14